Stampata in 3d protesi di una mano con movimento delle dita

La disponibilità di protesi stampate in 3D e a prezzi accessibili è in aumento e tutto il mondo sta iniziando a beneficiare di questo fantastico uso della tecnologia di stampa 3D. I vantaggi di queste protesi sono principalmente economici, dato che sono molto più accessibili rispetto a quelle tradizionali: costano solo pochi dollari invece che diverse migliaia. Inoltre sono molto più facili da personalizzare e da regolare, il che significa che sono perfette anche per i bambini, in virtù del fatto che essi, crescendo, hanno bisogno di una nuova protesi all'anno (all'incirca).

mano stampata in 3d con movimento delle dita

L'unico aspetto negativo di questo arto è la mancanza di una vera e propria forza di presa, ma questa limitazione presto potrebbe essere solo un ricordo del passato grazie ad un team di scienziati dell'Università di Città del Capo, in Sud Africa, che hanno svelato una protesi della mano stampata in 3D le cui dita si muovono individualmente.

Le “teste” dietro questa idea sono quelle del dottor George Vicatos e di uno dei suoi studenti, Severin Tenim. Insieme hanno progettato tutte le parti e ne hanno organizzato la stampa in 3 dimensioni. Il risultato finale è un bel dispositivo meccanico che offre molte più opzioni rispetto ad una tipica protesi stampata  in 3D.

La funzionalità di questa mano “bionica” è inoltre decisamente migliore rispetto alle prime versioni, senza nulla sacrificare all'economicità, alla resistenza e alla durevolezza. A questo si aggiungono anche i primi giudizi positivi, in maniera particolare per quanto riguarda la funzionalità e l'usabilità, da parte di chi ha avuto modo di provarla.

L'obiettivo principale di Vicatos e Tenim è quello di riuscire a mantenere bassi i prezzi così da permettere davvero a tutti di poter avere una protesi con cui poter fare le cose di tutti i giorni. Il costo finale di una protesi perfettamente funzionante (dunque, diversa dalle prime versioni di base, che, come detto in apertura, costano pochi dollari) dovrebbe aggirarsi attorno ai 2.000 dollari americani, molto lontano dalle migliaia di dollari necessari per le tradizionali componenti bioniche.

Search