La prima stampante 3D open-source a levitazione magnetica

fallaTra i numerosi progetti di stampanti 3d diy merita sicuramente una nota d'interesse il progetto di alcuni maker toscani. Si chiama fa)(a 3D. http://www.falla3d.com/

Come sottolinea il suo suo progettista, Giacomo Falaschi: «Il nostro è un progetto di una stampante 3D con costi estremamente ridotti senza compromessi in termini di affidabilità, scalabilità e modularità».

Il progetto è nato grazie alla collaborazione di alcuni Fablab, tra cui in particolare il FabLab Contea, con l'aiuto di vari laboratori italiani come il Syskrack Lab, Roma Makers e il FabLab Cascina.

Si tratta di una stampante 3d, totalmente open-source, modulare, upgradabile a piacere cambiando la maggior parte delle sue parti. Si può ad esempio aggiungere un doppio estrusore o aumentare il piano di stampa.
La caratteristica principale che la differenzia dalle altre stampanti 3d sono gli assi X e Y su guida a levitazione magnetica (magneti al Neodimio).
I profili di Fa)(a per gli assi X e Y, contengono magneti al neodimio che permettono di realizzare una vera e propria levitazione magnetica! Questo consente di ridurre al minimo l'attrito durante la stampa, alleggerendo il carico del motore e favorendo le accelerazioni della stampante. (cosa che per chi ben conosce le stampanti 3d è una delle pecche più grandi).
Un'altra cosa interessante è il sistema di aggancio dell'estrusore, che grazie ad un connettore a 9 poli, rende estremamente veloce il cambio dello stesso.

 

falla2

Per chi è interessato ai dettagli riporto quello che è scritto sul sito ufficiale :

Risoluzione: Stampe precise fino a 50 micron (0.05 mm). Posizionamento XY 15 micron, Z 5 micron
Velocità: Stampa silenziosa e in un lampo, fino a 200 mm/s!
Filamenti: Compatibile con tutti i tipi di filamenti, inclusi PLA, ABS, Nylon, HIPS, PVA
Dimensioni: Scalabile fino a un'area di stampa di 90x60x60 cm (grandezza stampante 100x70x70 cm)
Doppio Estrusore: A singolo hotend FUM e a doppio hot-end classico da 3mm oppure con il sistema Bowden da 1.75
Connessione WiFi: Stampa wireless e senza PC con Octoprint

Come detto prima la stampante è totalmente open-source, ognuno può costruirla da solo, basta collegarsi a github e si può trovare tutto il materiale necessario.

Se invece volete essere aiutati nella costruzione, non avete da far alto che iscrivervi sul sito del progetto ad uno dei vari workshop in giro per l'italia.
In due giorni intensivi è possibile essere seguiti nella costruzione della stampante, passo passo, risolvendo con i progettisti ogni possibile problema.
Il workshop costa 660 € a persona, ed è comprensivo del costo dei pezzi per poter costruire la fa)(a 3d.
Il prezzo sarà ridotto in base al numero dei partecipanti. Arrivando a un 12% in meno in caso di almeno dieci iscritti. Per iscriversi basta contattare il fablab che lo organizza o chiedere direttamente sul sito ufficiale.

Curiosando un po' sul loro blog, si vede come il progetto sia in continua espansione.
L'ultima novità sembra essere lo studio di un FUM-Bowden ( già predisposto a 4 colori) 4colori/motori su singolo hot-end col quale in pratica si potrà stampare fino a 4 colori diversi, o 3 colori più un filamento con materiale di supporto come il PVA (Polyvinyl Alcohol).

falla

 

Se siete appassionati di stampanti 3d vi consiglio di restare sintonizzati su questo canale per tenere d'occhio questo interessante progetto (e iscrivervi alla mailing-list sul sito officiale, ovviamente)

Se siete un FabLab e siete interessati a uno di questi workshop, troverete tutte le informazioni che vi possono fare comodo sul sito: http://www.falla3d.com/

Che ne dite? se qualcuno è interessato si potrebbero raccogliere adesioni per un workshop...

Search