Ingegnoso trapano stampato in 3d che può forare legno e metallo

 

trapano-stampato-in-3dPer la rubrica cosa possiamo stampare in 3d, oggi parliamo di un utile attrezzo che molto probabilmente avrete usato almeno una volta nella vita: il trapano.

Di certo con la stampa 3d si possono stampare moltissime parti di ricambio per i vari oggetti che possono rompersi in casa, come una maniglia, o ad esempio, invece di gettare il frullatore perché si è rotto uno di quei dentini che tiene unite le varie parti dell'accessorio, mi creo con la stampa 3d la parte di ricambio.

Quello che permette la stampa 3d è anche crearsi degli attrezzi utili da usare in caso di emergenza per fare almeno le operazioni basilari.

Il trapano è un esempio di questo caso.

Una compagnia, la Performance 3-d LLC, specializzata proprio nello sviluppo di soluzioni ingegneristiche interamente create con la stampa 3d, ha creato questo accessorio per aiutarsi nella produzione di componenti di upgrade per le più comuni stampanti 3d commerciali.

"Abbiamo anche progettato e venduto parti di aggiornamento per varie stampanti tra cui, in questo caso, dei rinforzi per braccio in alluminio, per i quali è necessario praticare qualche buco in uno spazio molto ristretto per la stampante Replicator Makerbot 2" spiega il co-fondatore Jay Evanovich. "Per questo ci è venuta l'idea di progettare questo semplice trapano da allegare al nostro kit di espansione."

kit-di-espansione-trapano

 

Il trapano in questione è del tipo manuale, avete visto, magari dai vostri nonni, quel trapano, il cui mandrino veniva azionato semplicemente facendo scorrere in su e in giù una leva. Il loro design prende spunto infatti da un trapano di Archimede, cosi chiamato perché appunto utilizza per il movimento lo scorrere di un cursore su una vite senza fine.

È sufficiente allentare il dado posteriore, inserire una punta, e quindi stringere il dado attorno al mandrino. Una volta che il trapano è stretto, si posiziona sopra la zona in cui si desidera eseguire il foro, si mette un dito sulla parte superiore del trapano e con altre due dita si sposta il cursore in su e giù.

Questi mini-trapani sono adatti per bucare materiali come plastica, legno e perfino sottili strati di metallo.

handdrill1

 

Il segreto sta tutto nella semplicità e nel movimento della punta: infatti il movimento in su e giù fa si che il trapano non solo crei il buco, ma anche quando il cursore torna in su facendo girare la punta in senso opposto, rimuova i trucioli di materiale pulendo il foro.

I ragazzi di " Performance 3-d LLC" hanno gentilmente condiviso i loro disegni per questo mini-trapano. Il progetto è composto da quattro file STL separati (l'elica, il dado, la manopola zigrinata e il cursore), l'intero trapano può essere stampato in 3d in circa un'ora.

Le parti risultanti sono facilissime da montare. I file STL scaricabili possono essere trovati qui.

Non solo questo è un progetto facile e divertente su cui lavorare, ma lo strumento in sé potrebbe tranquillamente far parte della vostra "cassetta di attrezzi".

Che ne pensate? Ecco un altro semplice esempio di come la stampa 3d possa venirci in aiuto nell'ambito delle operazioni di tutti i giorni.

Search