Gino: l'auto customizzata con la stampa 3D

L'espansione della stampa 3D verso i mercati più diversi oggi è testimoniata da questa applicazione dell’additive manufacturing nell’industria automotive tradizionale, in particolare il car tuning.

Grazie all'AM è possibile effettuare variazioni digitali prima della produzione, con completa libertà di personalizzazione di forme e tipologie di materiali, permettendo un notevole risparmio di tempi e costi.

Realizzata quasi completamente ex novo da Raffaello Balzo, l'auto "Gino" è interamente customizzata, con la griglia della calandra frontale realizzata in 3D e stampata dall'azienda 2be3D.

Il metodo tradizionale per realizzare un pezzo di questo tipo richiede molto lavoro manuale, con la creazione di una griglia base a cui viene data la forma voluta da usare poi come stampo per la colata in vetroresina. In un processo di questo tipo eventuali errori sono irrimediabili.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ora invece, grazie al binomio progettazione digitale / produzione in stampa 3D, ogni dettaglio è progettato con estrema precisione e poi replicato fedelmente dalla stampante 3D.

Per la griglia della Gino si è partiti da un bozzetto realizzato dal committente Raffaello Balzo, poi convertito in un disegno al cad con diverse viste prospettiche. Da questo, l'azienda 2be3D ha creato un oggetto 3D, che ha permesso di eseguire facilmente dei ritocchi successivi intervenendo sui punti di controllo appositamente introdotti in modellazione.
Il file 3d definitivo viene poi esportato nel formato di stampa 3d necessario per la produzione additiva del prototipo.
In questa fase il service di stampa 2be3D è intervenuto suggerendo modifiche e materiali più adatti alle esigenze di produzione.

In questo caso la scelta è ricaduta su una plastica PET-G, perfetta per la consistenza e la resistenza richieste dall’ oggetto a causa delle sollecitazioni aerodinamiche e termiche a cui è sottoposto. La griglia è stata infine stampata in 2 pezzi per ottimizzarne resa superficiale e resistenza strutturale.

Il risultato è stato eccellente, al punto da richiedere come lavoro in post solo una leggera carteggiata.
Il lavoro è stato concluso con la verniciatura e l’assemblaggio, seguito dall'applicazione di una finitura lucida in carrozzeria.

L’intero lavoro sulla calandra, dall’inizio alla fine, ha richiesto circa 2 settimane complessive, con un tempo di produzione effettivo di circa 3 giorni.

Search