3d Printing School - Fabbricazione additiva o sottrattiva ?

Fabbricazione additiva o sottrattiva ? Diverse metodologie di costruzione

Quando parliamo di fabbricazione additiva ci riferiamo alle stampanti 3d che costruiscono gli oggetti mediante deposito di filamento fuso Al contrario invece gli oggetti che si costruiscono con la fabbricazione sottrattiva,  modalita' di costruzione ampiamente utilizzata in ambito industriale, sono lavorati con macchine che utilizzano strumenti specifici come una fresa, un trapano o un laser che sottraggono materiale da un blocco ad esempio di legno o di acciaio fissato sul piano oppure al mandrino di un tornio.

Entrambe rientrano nella famiglia delle macchine CNC (computer numerical control). Queste macchine controllate dal computer muovono ripetutamente ed in tutte le direzioni la testina. Ognuna di queste direzioni di movimento viene chiamato asse. In base al tipo di lavorazione che si intende fare, le macchine CNC possono avere da 2 a 5 assi. Inoltre un asse può muoversi in modo lineare o seguire un percorso circolare.

Una stampante 3d lavora con 3 assi. Di solito la testina si muove lungo l'asse Z, dall'alto verso il basso. Mentre il piano si muove lungo l'asse X e l'asse Y.  Ugualmente una macchina che monta una fresa sulla testina ha tre assi di movimento lineare. Il piano di lavoro si muove lungo l'asse X (sinistra e destra) e l'asse Y (dentro e fuori) mentra la fresa si muove lungo l'asse Z (dall'alto verso il basso). Alcuni modelli dispongono di un 4° asse denominato asse A che si muove in modo circolare sul quale viene fissato il pezzo di materiale che deve essere lavorato.

Mentre per le stampanti 3d i costi di acquisto sono scesi al punto che molte aziende stanno lanciando modelli sotto i mille euro, le macchine a controllo numerico hanno costi notevolmente superiori, poichè si rivolgono ad un utenza professionale/ industriale.

Per tutti coloro interessati a costruire oggetti di piccole dimensioni con la fabbricazione sottrattiva c'e' una buona notizia: alcuni modelli di stampanti 3d offrono la possibilità di cambiare la testina e montare appositi strumenti, come ad esempio una fresa o un laser. Il vantaggio della fabbricazione sottrattiva è quello di ottenere oggetti  pronti per l'utilizzo. Questo è il caso della stampante 3d multi-funzione Fabtotum che verrà messa in commercio a fine 2014.

Se desideri approfondire l'argomento ti consiglio di leggere la rubrica CNC ZONE dove troverai news sul mondo delle macchine a controllo numerico.

In conclusione la fabbricazione additiva e' da preferire se e' necessario creare un oggetto in plastica con  un budget di spesa e' limitato. La fabbricazione sottrattiva richiede invece un investimento decisamente superiore (a meno che non si acquistano stampanti 3d multifunzione) ma permette di costruire oggetti in legno, in acciaio o in alluminio.

Search